Un piccolo diario che ha come filo conduttore il mio amore per la montagna e per i viaggi in genere... ma anche pensieri e riflessioni su quello che mi circonda perché il vero esploratore è colui che non ha paura di spogliarsi delle ipocrisie e aprirsi all'ignoto.

domenica 2 gennaio 2011

Un soldato

Sono stato quello che gli altri non volevano essere.
Sono andato dove gli altri non volevano andare.
Ho portato a termine quello che gli altri non volevano fare.
Non ho preteso mai niente da quelli che non hanno dato mai nulla!
Con rabbia ho accettato di essere emarginato come se avessi commesso uno sbaglio.
Ho visto il volto del terrore,
ho sentito il freddo morso della paura,
ho gioito per il dolce gusto di un momento d'amore,
ho pianto, ho sofferto e ho sperato...
... ma più di tutto, ho vissuto quei momenti che gli altri dicono sia meglio dimenticare.
Quando giungerà la mia ora, agli altri potrò dire che sono orgoglioso per tutto quello che sono stato...
... un soldato!

                                                                   George Skipeck

Buon anno a tutti!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Chi ama la patria è fedele nel più profondo dell'anima.(Theodor Fontane)
Onore a tutti i soldati che sono caduti nelle missioni di pace.

Anna ha detto...

Bellissima e molto vera questa poesia ed anche molto sentita soprattutto ora che ogni giorno si ascolta il telegiornale con il timore di sapere che una nuova vita sia stata stroncata mentre era intenta a compiere un lavoro cosi impegnativo e altruista.. si, grande onore a tutte queste persone cadute in missioni di pace.